Non catturate

Di leonardo maffi

Versione 0.4 del 5 Settembre 2003

 
Mi sveglio lentamente... percepisco poca presenza radio, come fossi molto lontana dal Villaggio, ma è strano, mi sono appisolata nella mia tana Savage più vicina al Villaggio. Forse ho le antenne danneggiate, ma non mi fanno male.

Fiuto il corpodore di Tigre, apro gli occhi e alzo il muso, la vedo sdraiata davanti a me. Anche lei si sta svegliando e mi ociguarda. Guardo verso l'alto, siamo in una stanza enorme, dal soffitto bianco, sono stupefatta. Siamo state catturate!?

Mi alzo di scatto, mi accelero un po', percepisco anche una terza strana emissione empatica, mi volto, e vedo me stessa, un'altra Fuocoblu!

La mia copia sorride, mi fa segno di calmarmi e accucciarmi, e dice: "Salve ragazze, state calme, vi starete chiedendo chi sono e dove vi trovate. Sono qui per spiegarvi tutto, ascoltatemi bene."

"Come stai?" chiedo a Tigre, come risposta emette benessere fisico.

"Degli alieni hanno studiato i chakasa, e hanno ritenuto che fossimo utili ai loro scopi," dice la mia copia, "Per cui hanno usato una tecnologia derivata dal teletrasporto per copiare il corpo dei Fuocoblu e Tigrerossa originali. Il teletrasporto permette di trasferire un corpo da un luogo all'altro, più o meno come si invia un modulo via radio. Il processo di copia è durato solo pochi minuti, e non ha svegliato né Fuoco né Tigre, non le ha spostate, né danneggiate in alcun modo. In pratica dal loro punto di vista è come se non fosse mai accaduto nulla, o quasi. Voi due siete delle copie di Fuoco e Tigre effettuate con tale apparecchio, siete a tutti gli effetti identici agli originali, le differenze si misurano in una percentuale infinitesima di atomi errati o mal posizionati, e i vostri naniti stanno già riparando eventuali danni. Vi posso assicurare che il tasso di errore è trascurabile e non è dannoso, specialmente per un essere dotato di naniti come noi chakasa. Sono anch'io una copia di Fuocoblu saviana, esistono molte copie. Voi siete la coppia numero 2751. Sì, prima di voi sono state create migliaia di altre copie di ciascuno di voi. Di solito venite ricreati in coppia per non farvi stare da sole, e per darvi una compagnìa. Io sono Fuocoblu2411, anche se spesso uso un altro nome, più gradevole. Ho circa quarantacinque savianni, e prima di andare in pensione vi insegnerò il mio mestiere. Sono passati circa 220 savianni da quando Fuocoblu e Tigre sono state copiate, a distanza di meno di mezz'ora una dall'altra, e le informazioni della copia sono immagazzinate in un computer; in futuro potranno creare un numero a piacere di altre copie. Io fui creata senza la mia Tigre compagna, ma ho avuto modo di conoscere varie altre Tigri ricreate poco prima e poco dopo di me. E adesso veniamo allo scopo della vostra esistenza qui. Questi alieni hanno una psicologia per noi non molto comprensibile, spesso non capisco ancora i loro scopi, ma essenzialmente ci usano come soldati, come guardie del corpo, come ballerini o per attività ricreative, o anche come ricercatori, o altro. Di solito per far svolgere le attività più umili o ripetitive usano dei robot, perché creare e mantenere una nostra copia gli costa molto, nonostante la loro tecnologia sia molto avanzata. Qui dobbiamo svolgere un lavoro non scelto da noi, e non abbiamo completa libertà di movimento, ma la vita non è male, disponiamo di tempo libero, vitto di buona qualità, abbiamo a disposizione delle serre come questa e possiamo vivere in stanze e all'aperto su uno dei pianeti, anche se non su Sava. Alcuni di noi fanno una vita alquanto buona, ci sono figli di terza generazione di coppie Fuoco-Tigre che vivono quasi liberamente, mentre altri al contrario sono stati creati in gran numero per diventare soldati usati in una piccola guerra, e hanno avuto una vita breve. Ho anche conosciuto alcuni sopravvissuti di tale combattimento. Per cui qui alcuni di noi sono schiavi che vivono nell'oro, altri sono soldati destinati spesso a vita breve, altri sono liberi o quasi, ma la maggior parte svolgono l'equivalente di un lavoro di poliziotti in un porto spaziale, e hanno una vita interessante. Voi due siete stati creati per diventare le guardie del corpo di un ricchissimo mercante di un porto spaziale, comunque più avanti vi verrà data la possibilità di cambiare completamente incarico, se questo non riuscite proprio a sopportarlo. Questi alieni che ci hanno copiato l'hanno fatto senza il nostro permesso, e alcuni di noi sono dei veri e propri schiavi, ma paiono esseri dotati di una qualche etica, ed è raro che riceviamo un trattamento pessimo."

"Perché hanno scelto noi? Hanno copiato altri chakasa?" gli chiedo.

"No, Fuocoblu e Tigrerossa saviani sono gli unici due chakasa che sono stati copiati, anche se esistono individui copiati di altre specie. Gli alieni che ci hanno creato, e che talvolta ci vendono, hanno pensato che i due originali saviani avessero psicologia, mente, e fisici adatti, come coppia. Inoltre facendo la copia di solo due individui sostengono di avere fatto un qualcosa di eticamente meno negativo, inoltre così ottengono profili psicologici ben noti e prevedibili, con vantaggi nell'addestramento, controllo, collocazione, eccetera. Se avessero copiato moltissimi chakasa diversi avrebbero dovuto capire la psicologia di ognuno, eccetera. Voi due avete sufficiente diversità psicologica e fisica da coprire gran parte delle esigenze. La specie degli alieni che ci ha creato ha copie di individui di moltissime altre specie, che usa in vari compiti, ogni tanto vende gli individui, ma di solito non lo fa, per cui quasi tutti i chakasa esistono in contesti e luoghi gestiti dagli stessi alieni che ci hanno copiato. Adesso potete rimanere un po' qui, questa serra contiene una ricostruzione di alcuni alberi saviani ed è stata creata per aiutarvi ad adattarvi al vostro nuovo contesto. Adesso vi lascerò soli per almeno un'ora, se volete potete mangiare, bere e fare all'amore. Voi due se lo volete potrete rimanere insieme per molto tempo. Se non verrete riassegnati, e se non avrete incidenti sul lavoro, potrete anche rimanere insieme per tutta la vita. Come vi ho detto nei prossimi giorni vi insegnerò a fare le guardie del corpo, in modo che io possa andare in pensione e lasciare a voi il mio lavoro. Lavorerò ancora, ma sarà un lavoro diverso e solo per qualche ora al giorno, avrò più tempo libero."

"Hai detto di essere stata creata senza Tigre, ma che poi ne hai conosciute alcune. Qui hai lavorato e vissuto da sola o con qualcun'altra?" le chiedo.

"Ho vissuto per molti anni con una tigre e un altro Fuoco, di poco più giovane di me. Avevamo formato una triade di Compagni di Vita, anche se avevamo deciso di non fare figli. Alcuni anni fa purtroppo Tigre2501 è morta in un attentato, di cui poi vi racconterò, per cui attualmente vivo solo con Fuoco2501, al quale manca ancora qualche anno alla pensione. Più tardi ve lo farò conoscere, nel tempo libero è diventato un musicista, fa musica piuttosto strana."

"Tu invece che fai?" gli chiede Tigre.

"Oltre che al mio servizio di guardia, mi sono dedicata alla nanotecnologia. Ho un paio di brevetti, coi quali ho fatto un po' di soldi, che io e Fuoco2501 abbiamo messo da parte per tutta la vita. Adesso siamo abbastanza antichi e abbiamo deciso di regalare i nostri soldi a voi. Se avrete intenzione di fare un figlio, tali soldi vi saranno sufficienti per farlo diventare un liberto, e potrà lavorare liberamente al porto spaziale. Attualmente esistono solo 18 chakasa liberti, quasi tutti figli di prima generazione tra Fuoco e Tigre. Un liberto è un cittadino a tutti gli effetti, e i figli che fa sono a sua volta cittadini liberi, anche se ci sono delle pressioni sociali affinché non facciano figli. Ma di tutto questo e di molte altre cose parleremo più tardi. Adesso vi lascio, avete molto su cui riflettere. Quando ci rivedremo risponderò a tutte le vostre domande. A dopo."

Si allontana. Era identico a me, la maggiore età era quasi invisibile. Aveva un corpodore identico al mio, anche se nel suo alito c'erano odori di cibi che non conosco. Le sue antenne producevano e stanno producendo emissioni uguali alle mie, ma più raffinate e allenate dall'età e dall'esercizio. Nelle inflessioni della sua voce e nei movimenti volontari e involontari del corpo non ho rilevato menzogne. Ma non gli credo. Non credo sia possibile copiare i corpi e i cervelli in quel modo. Giona mi ha spiegato quanti modi ha la sua tecnologia per copiare odori, immagini, emissioni radio, tutto quanto, potrebbe essere un inganno molto sofisticato di qualche tipo. Potrebbe essere perfino una macchina, anche se faccio fatica a crederlo. Ma in ogni caso non resterò qui. Non m'importa delle altre Fuoco che si sono lasciate ammansire e addomesticare in questo modo. Analizzerò il cibo e l'aria, terrò d'occhio anche Tigre, studierò l'ambiente e mi preparerò. Ha parlato di liberati, di liberti, ma non ha parlato di tentativi di fuga e dei loro risultati, ma se hanno fatto così tante copie di me, sono sicuro che parecchi altri miei fratelli ci hanno provato.
_______________________


Questo piccolo racconto è ispirato al contesto di Chapel, ma non ne fa parte.
Specie Chakasa (c) leonardo maffi e Alessio "Scale" Scalerandi.
Personaggi Chakasa Fuocoblu e Tigrerossa (c) leonardo maffi.

[Vai all'indice]

Pagina visitata volte dal 28 Luglio 2003.