Cinema & Televisione

Dal 2000 Ian McDonald collabora con la Extreme Production, una casa di produzione di Belfast con l'incarico di proporre "deeply un-politically correct TV ideas".

DOOMWATCH
Ma già in precedenza c'era stato qualche contatto tra McDonald e il mezzo televisivo.
Negli anni '70 andava in onda in Gran Bretagna una serie televisiva intitolata Doomwatch, una sorta di precursore di X-Files, anche se si occupava più di minaccie scientifico-tecnologiche piuttosto che non di alieni e paranoia. Vent'anni dopo Ian McDonald è stato chiamato a collaborare a una produzione indipendente britannica per sviluppare una nuova serie di episodi di Doomwatch. I protagonisti di questa nuova serie sono 4 scienziati dalle spiccate (e peculiari) caratteristiche che si muovono nell'ombra indagando sugli abusi nella ricerca scientifica e tecnologica.

Ian McDonald descrive così la serie: "piuttosto strana e oscura, negli stessi territori di X-Files ma senza UFO o fenomeni paranormali. La paura della BSE che ha colpito la Gran Bretagna potrebbe essere un buon esempio di quello di cui si occuperà la serie, solo che quest'ultima sarà ancora più spaventosa. In Doomwatch il governo è il nemico tanto quanto la cultura corporativa".
L'episodio pilota della serie "Winter Angel" è stato trasmesso nel dicembre 1999.

PROSSIMAMENTE / IN PRODUZIONE / PROGETTI

Negli ultimi anni si sono rincorse diverse notizie che davano Ian McDonald alle prese con svariati progetti televisivi originali, o tratti dalle sue opere.
L'ultima in ordine di tempo lo dava per impegnato nelle prime fasi di un progetto chiamato Tiger Tiger (avete presente Alfred Bester?), che si doveva sviluppare nella Dublino contemporanea...

 

Altri siti che si occupano di Ian McDonald:

Oltre al sito di Hans Persson, che rimane la principale risorsa in rete dedicata all'autore, questi sono i principali riferimenti a Ian McDonald in rete:

 

Per ogni ulteriore informazione potete contattarmi qui.

Torna a inizio pagina

Ian McDonald
introduzione a Ian McDonald
Bibliografia
bibliografia italiana
Incontro con ian McDonald
altri media
ringraziamenti