ROBOT
RIVISTA DI FANTASCIENZA

33 Indice n. 34 35

Numero 34

La giungla aliena nasconde il segreto dei ragni-sogno, bestie incantatrici ma pericolosissime. E fa da sfondo all'illusoria storia d'amore di un giovane terrestre in Torre di ceneri (This Tower of Ashes), con cui si apre questo numero. Facendo un salto indietro nel tempo, quando l'umanità muove ancora i suoi primi passi nello spazio, troviamo Patrick Henry, Jupiter e la piccola astronave rosso mattone (Patrick Henry, Jupiter and the Little Red Brick Spaceship), che è quasi un omaggio all'Heinlein di L'uomo che vendette la Luna. Ne Gli uomini della Greywater Station (Men of Greywater Station) siamo di fronte al classico tema dei terrestri assediati da... cosa? Nei Canti solitari di Laren Dorr (The Lonely Songs of Laren Dorr) una ragazza fugge inseguita da segugi onnipotenti, e trova un mondo abitato da un uomo immortale. La Notte dei vampiri (Night of the Vampyres) ci presenta l'ultima novità in fatto di duelli aerei col laser, ed è un'ottima storia di fantapolitica. Ma è L'inseguimento (The Runners) il racconto più metafisico dell'antologia.

Tra gli altri pezzi di questo numero, "...Per un solo ieri" ("...for a single yesterday") è il più personale: scoprirete di dove deriva il grande, confessato fascino di George R.R. Martin per i cantautori, la pop music e le generazioni perdute.


Home page