BOOKSHOP

 

Libri, fanzine ed altro

Rubrica a cura di Riccardo Giandrini

MAIL BOX 133 - 10036 SETTIMO TORINESE (TO)

 

Recentemente mi hanno fatto notare che in questa rubrica sono solito essere troppo generoso negli elogi verso alcuni autori rischiando di far scomparire nella massa quelli che davvero meritano di essere pubblicizzati. Questa volta ho deciso di premunirmi, per cui troverete sottolineati alcuni nomi: se non li conoscete ancora vi consiglio di prenderne nota perché sicuramente saranno tra i protagonisti del panorama fantascientifico dei prossimi anni. Non hanno invece bisogno di essere presentati WILLIAM GIBSON e KIM STANLEY ROBINSON. Del primo è appena uscito il tanto atteso Idoru (Putnam), sul quale non mi soffermo, vi basti sapere che il titolo si riferisce al nome di un ologramma semi-senziente, mentre del secondo è uscito l’altrettanto atteso volume che conclude la saga dedicata alla colonizzazione di Marte: Blue Mars (Bantam).

 

JEFF NOON: Pollen

Approfitto dell’uscita dell’edizione statunitense di questo romanzo, già comparso l’anno scorso in Inghilterra, per citare l’opera con cui Noon ha esordito e cioè "Le piume di Vurt". Non mi sembra che finora abbia suscitato un gran clamore ma certamente lo meriterebbe, perché si tratta di un capolavoro che credo diverrà presto un classico della letteratura fantastica. La forza visionaria e un’inclinazione per inventare situazioni originali, quasi kitsch, uniti alla capacità di mescolare un tono ironico o addirittura irriverente con immagini struggenti e toccanti, sono le caratteristiche peculiari dell’autore. In questo suo secondo romanzo, che mantiene l’ambientazione del precedente sebbene abbia scelto di attenuare alcuni elementi come la violenza e lo stile aggressivo e strafottente di molti personaggi, i protagonisti sono la detective Sybil Jones e il suo partner semi-canino Z.Clegg, alle prese con una massiccia invasione di polline , collegata ad una cospirazione vurtiana, che investe la metropoli.

 

IAN MACDONALD: Evolution’s Shore (Bantam)

Forse di Macdonald, avete già letto la traduzione in italiano del suo precedente romanzo, ovvero Necroville; se non lo avete ancora fatto, io ve lo consiglio, ma con una precisazione. L’autore ha talento da vendere ma il suo libro non è propriamente facile da leggere: occorre infatti abituarsi al suo stile "spigoloso", fatto di connessioni imprevedibili, di citazioni dotte (sia in campo umanistico che scientifico) e di termini stranieri. Tuttavia lo sforzo iniziale è ampiamente ricompensato da una trama avvincente, da un’intensità narrativa da una profondità di analisi della vita e delle motivazioni dei personaggi fuori dal comune. Nel suo nuovo romanzo si parla invece di una vegetazione aliena che si espande nel continente africano trasformando tutto ciò con cui viene a contatto. L’influenza delle opere di J.Ballard su Macdonald si fa sentire e va oltre la scelta dei temi da trattare.

 

JONATHAN LETHEM: Amnesia Moon (Harcourt)

Probabilmente dovrei sottolineare anche questo nome, ma devo ammettere di aver letto solo un paio di brevi racconti (per altro notevoli) di questo autore, per cui mi riservo di dare un giudizio più completo in futuro, magari dopo la tanto attesa traduzione del suo romanzo d’esordio "Gun with Occasional Music" che tanto clamore ha suscitato nell’ambiente letterario. Amnesia Moon viene presentato come una sorta di puzzle che lo stesso lettore mette insieme pagina dopo pagina, un picaresco romanzo "on the road" dove i lettori sono sommersi dai misteri di una trama complessa. Il protagonista, che di nome fa Chaos (!) è in viaggio attraverso un America post-catastrofe (dove nessuno sembra ricordare la causa del disastro) in cerca del significato che si cela nei suoi sogni, i quali sembrano appartenere anche agli svariati personaggi incontrati durante il suo viaggio... finché la Realtà perde consistenza.

 

SHARIANN LEWITT: Memento mori (Tor)

Una devastante epidemia virale decima i coloni di Reis, obbligando i pochi superstiti attraverso tentativi frenetici e disperati, di trovare un senso ad un’esistenza improvvisamente svuotata di ogni significato. Su tutto incombe la presenza di RICE, un intelligenza artificiale che tenta di comprendere le stranezze del vivere umano. Si tratta di fantascienza noir che per mezzo di una cupa e malinconica riflessione sulle relazioni che legano società, arte e volontà di sopravvivenza, traccia i confini di un nichilismo post-cyberpunk.

 

URSULA LE GUIN: Unlocking the Air and other stories (HarperCollins)

Come avrete potuto intuire dal titolo non si tratta di un romanzo ma di un’antologia composta da racconti fantastici dove fantasia e realtà si mescolano sapientemente grazie all’inconfondibile tocco fiabesco dell’autrice. Il racconto che dà il titolo al libro ("Unlocking the air") è una favola ambientata in un imprecisato stato dell’Europa dell’Est durante una rivoluzione; in "Either Or" gli abitanti di una piccola città sono ritratti in modo realistico, ma la città stessa è una terra fantastica dai confini mutevoli; "Standing ground" e "The Poacher" si occupano invece di gravi problemi sociali come l’aborto e la violenza sui bambini.

 

KATHLEEN ANN GOONAN: The Bones of Time (Tor)

L’ambientazione della vicenda è quanto meno originale: nelle Hawaii del XXI secolo Cen Kalakaua scopre il sistema di viaggiare nel tempo per cui prepara una spedizione con lo scopo di salvare la vita della principessa Kaiulani vissuta nel XVIII secolo. Diciassette anni dopo il genetista Lynn Oshima prepara il clone del re Kamehamena per pilotare una astronave nel futuro. Incredibilmente la Goonan riesce nell’impresa improba di mescolare descrizioni esotiche delle isole Hawaii e della loro cultura, con tematiche prettamente futuristiche.

 

ORSON SCOTT CARD: Pastwatch: The Redemption of Christopher Columbus (Tor)

Ultimamente sono di gran voga le storie alternative, sottogenere fantascientifico che ha peraltro una lunga tradizione e vanta capolavori come "La svastica sul sole" di Dick e "Pavana" di Keith Roberts. Si cimenta ora anche Scott Card che per una volta abbandona i cicli di "Ender" e di "Alvin Maker", proponendoci un tema di riflessione importante. Il suo romanzo tratta con tono compassionevole ma anche con fermezza nelle posizioni espresse la colonizzazione delle Americhe. I tre protagonisti della vicenda sono crononauti della Pastwatch, organizzazione che controlla il passato, che intraprendono un viaggio nell’epoca della scoperta dell’America cercando di alterare le circostanze legate alla storica spedizione di Colombo, al fine di prevenire la conquista del "nuovo continente" da parte degli europei.

 

Concluderei segnalando ancora due antologie: Ribofunk (Four Walls Eight Windows) di PAUL DI FILIPPO, 13 storie ambientate nel mondo del "ribofunk" incrocio tra i ribosomi cellulari e la musica funky; e Common Clay: 20 Odd Stories (St. Martin’s) di BRIAN ALDISS che raccoglie i racconti del celebre autore comparsi su riviste negli ultimi 10 anni.

 


E "BABELE" ?

Da questo numero BABELE confluisce in questa rubrica, dove troveranno posto le consuete recensioni d'oltre oceano, insieme a tutto il materiale italico degno di attenzione e di diffusione. Quindi scrittori, redazioni di Fanzine, riviste di letteratura Mainstream, associazioni e circoli, potete inviarci ogni tipo di reperto cartaceo, che sarà letto e possibilmente recensito. Naturalmente la nostra Mariella Bernacchi continuerà ad essere valida collaboratrice anche di BOOKSHOP.

 

"INTERFERENZE CREATIVE" Collana non periodica di antologie letterarie ed artistiche (1996 n°1). Non si fanno abbonamenti. Da richiedersi presso: Edizioni Tigullio Bacherontius, Via Belvedere 5 - 16038 S.Margherita Ligure (GE) - £20.000.

Questa bella iniziativa di Giampiero Prassi nasce dal "...desiderio di confrontare con gli altri le mie sensibilità..." come lui stesso afferma nel presentare la rivista. Perché si tratta di una vera rivista, dove si tenta l'inizio di un percorso già intrapreso e mai abbandonato dal nostro, di confronto tra creativi, persone che "...indipendentemente dai risultati o dalle capacità espressive, hanno scelto di estrinsecare il proprio sentire attraverso questa o quella disciplina artistica..." e poi "...creare solo dialogo, in spregio a tirature e vendite". E' chiaro il concetto? Mandate ogni sorta di materiale perché ogni numero è a tema fisso. Nel prossimo numero l'argomento è Utopia e Antiutopia. (Marco Perello)

 

AA.VV. "LOVECRAFTIANA" Saggi su e di H.P. Lovecraft a cura di C. De Nardi (Pagg. 140, £23.000). Illustrato da A. Bani. Edito in proprio c/o Massimo Tassi, Via Col di Lana, 24 - 42100 Reggio Emilia.

Il mitico Lovecraft, l'uomo, il pensiero, l'opera, gli anni d'oro di "Weird Tales". Per i maniaci del nostro, il circolo di Lovecraft pubblica due taccuini semestrali con inediti, notizie, e curiosità. Per informazioni rivolgersi a M. Tassi. (Mariella Bernacchi)

 

Apprendiamo solo ora e tardivamente, della scomparsa del carissimo Fabrizio Frattari, con cui eravamo in contatto epistolare da molto tempo. Purtroppo le circostanze della sua morte ci sono tuttora sconosciute. Ci ripromettiamo di pubblicare prestissimo un racconto che ci aveva spedito in visione poco tempo fa, ma è triste che lui ormai non sia più qui con noi a leggerlo. Ciao Fabrizio!

 

Roberto Quaglia, consigliere del Comune di Genova ha inviato agli appassionati di SF una circolare sul progetto del Comune per organizzare una grande Convention internazionale nel capoluogo ligure. Chi intende informarsi e collaborare (siete caldamente invitati a farlo) può rivolgersi al suo ufficio: Comune di Genova - Gruppo Consiliare Lista Pannella - Via Garibaldi 14 - 16100 Genova; Tel: 010/205473-20982114. (M.B.)

 

"NEW GLOBE" (n°2, Anno II). Da richiedere a Paolo Brambilla, Via Lambrate 13, 20131 Milano. Una copia £2.000 (più £1.000 per spese di spedizione).

Ecco dunque farsi largo nel vasto panorama delle fanzine un piccolo geniale gioiello, meritevole per originalità. La fanzine in questione ha una struttura da "news magazine" e alterna notizie vere del fandom, recensioni varie, a notizie completamente inventate (!) provenienti da un futuro alternativo (siamo nel 2046!). Nell'insieme godibilissima, abbiamo apprezzato soprattutto la pagina enigmistica e le recensioni cinematografiche, nonché le belle interviste a Rulli, Morganti e Paroni.

 

"BALISET" (n° 8, Anno V ) £4.000 + 2.000 da inviare a C.P. 85, Torre d'Isola (PV).

Senza dubbio una delle migliori fanzine in circolazione, Baliset alterna racconti meritevoli ad articoli interessanti, a cominciare da "L'integrazione impossibile" di Pietro Ferrari, breve excursus sulla filmografia che ruota intorno alla figura del mostro inteso come "diverso". Complimenti a Claudio Tinivella per il racconto "Il fuggiasco" che non fa che confermare la nostra stima nei suoi confronti. Unica nota negativa le illustrazioni. (M.P.)

 

Carlo della Corte/ Renato Pestriniero "CRONACHE DELL'ARCIPELAGO. LA FANTASCIENZA TRA GENERE E MAINSTREAM ". Prefazione di A.E. Van Vogt. "Scenari", pagg. 300, £24.000, IL CARDO EDITORE in Venezia.

Una raccolta di scritti narra la nascita della SF in Italia, con testi italiani (Raiola, Sandrelli,...) e stranieri (Kim S. Robinson ed altri), che conferma la vivacità degli autori italiani di SF attraverso la stagione d'oro del cosiddetto - in senso affettuoso - "clan dei veneziani".

 

A cura di Roberto Fuiano, con intervento di Daniele Giancane: "IL SOLE NELLA CITTÀ" - Poeti inediti per le strade di Bari. Raccolta di poesie. Una copia £1.000. LA VALLISA Ed. c/o R. Fuiano, Via G. Tauro 3/E - 70124 Bari.

"Strade grigie dove una folla senza volto corre frettolosa nel silenzio di una città assordante...ma un canto sommesso si innalza e c'è fra noi chi porta il sole in città". Così è sintetizzato in quarta di copertina lo spirito dell'antologia curata da Roberto Fuiano, fresco vincitore del Premio Italia per un saggio sul rock progressive. (M.B.)

 

"IL CERCHIO" Mensile di coordinamento di sostegno ai Nativi Americani. Per conoscere la loro cultura. Abbonamento annuale £ 50.000 con vaglia postale intestato a Giuliano Pozzi, Via Canova 14 - 22030 Castelmarte (CO).

 

Ritorna all'indice di "7° Inchiostro n. 8"

Ritorna alla Home Page