IL FUOCO DIVINO
di Patricia Anthony
Editrice Nord; pagg. 381; £. 26.000

Non a Roswell, ma nei pressi di un misero e fangoso villaggio portoghese, Quintas, precipitano gli alieni di Patricia Anthony. Dall'astronave sbarcano tre esili creature con la pelle grigia, le teste troppo grandi e gli occhi neri e inespressivi. Una di loro appare ferita gravemente, le altre due non parlano, si guardano intorno senza reagire. La parabola di fuoco descritta nel cielo di Quintas dall'oggetto celeste, non Ŕ ancora scomparsa che giÓ gli abitanti del villaggio raccolti intorno agli esseri silenziosi parlano di un miracolo. La voce si sparge rapidamente, mentre Afonso, re per volontÓ divina, sopraggiunge seguendo la "cometa" come un novello re magio: le creature sono angeli del Signore, si mormora in paese. La convinzione che Dio avrebbe inviato a Quintas i suoi cherubini Ŕ sostenuta dagli strani fenomeni verificatisi nelle ultime settimane: luci che brillano nei cieli, angeli che avrebbero ingravidato la figlia di Senhor Texeira, e Marta Castanheda che a quindici anni dichiara di parlare con la vergine nel prato dietro casa, segnato da insolite bruciature.
Nel dubbio, i tre presunti angeli vengono rinchiusi in una prigione improvvisata, mentre Manoel Pessoa, padre inquisitore gesuita afflitto da un segreto ateismo, cerca di soffocare le voci che sempre pi¨ insistenti vogliono il villaggio al centro di fatti miracolosi. Se dovessero giungere all'orecchio del vescovo Gomez, infatti, Quintas attirerebbe su di sÚ la curiositÓ dell'inquisizione. Cosa sarebbe allora di Berenice, la guaritrice di famiglia ebrea? Il tribunale ecclesiastico si interesserebbe a lei, scoprendo che intrattiene una relazione peccaminosa con lo stesso inquisitore. Inoltre la gente dice la sua abilitÓ con le erbe curative sia diabolica. Berenice non avrebbe scampo.
Ma l'arrivo del re, un giovane ritardato che ode la voce di Dio nel "guscio" metallico da cui sono sbarcati gli angeli, e il coinvolgimento del grasso e flatulento vescovo Gomez, che si ritiene l'ultimo baluardo della Chiesa contro i tre demoni giunti nel villaggio, faranno precipitare gli eventi. Il dibattimento ha inizio, i testimoni vengono convocati e gli inquisiti (incluse le misteriose creature) interrogati con ogni mezzo. Le pire per i roghi sono innalzate, mentre padre Pessoa tenta disperatamente di salvare, con gli imputati, la donna che ama.
Con rara intensitÓ la Anthony fa rivivere un passato oscurato da una religiositÓ morbosa. Il pregio maggiore di questo pastiche di fantascienza e romanzo storico (pi¨ il secondo che la prima) consiste nella sentita rappresentazione dei personaggi. La prosa, contraddistinta da un passo sincopato, deve la sua potenza a quanto esclude pi¨ che a quanto dice. Sono le lacune, gli spazi bianchi, a incuriosire prima e poi a interessare, inquietare, spaventare e commuovere il lettore.
F.T.