Invia curiosità, articoli, segnalazioni a: L'Incredibile Ma Vero di Preston per e.mail o posta - Str Val Pattonera 180, 10133 To

...precedente
Torna alla home
seguente...


Il Re dei Ratti

...o il Rats Knot, Nodo dei Ratti, è il nome che viene dato ad alcuni singolari ritrovamenti da cui è fiorita una bizzarra mitologia. Fenomeno registrato sin dal cinquecento in alcune zone d'Europa - da cui i Nodi prendono il nome, p.e. il Nodo di Francoforte - il Re dei Ratti è l'insieme di una decina di scheletri di ratto, uniti l'uno all'altro da un nodo che intreccia insieme la code. Pare, anzi, che le ossa delle code siano un tutt'uno indissolubile e che quindi, per motivi insondabili, alcuni esemplari della specie Rattus Rattus si siano in qualche modo uniti (fusi?) deliberatamente per... per cosa?
Come per i suicidi di lemming le teorie si sprecano, ma lo stupore rimane. Pare che questi rari Nodi siano legati a periodi di sovrappopolazione rattesca e - particolare rassicurante - che le code si siano calcificate insieme dopo la morte.


Speciale Tradizioni

Babbo Natale come oggi lo conosciamo è un prodotto della Coca Cola Company.


S. Nicola
 

Agli inizi del secolo il vecchio barbuto si confondeva spesso con il più segaligno San Nicola. Sin qui, niente di strano. Il particolare per noi anomalo è che San Nicola indossava un giaccone (di renna?) verde! Il rosso e il bianco li dovrà alla pubblicità della Coca Cola e al pennello di Haddon Sundblom che nel 1931 lo vestirà con i colori delle sue lattine, conferendogli quell'aplomb cicciotto e consumista che fa impazzire i bimbi di tutto il mondo.

 

Babbo Natale

Segue nel prossimo numero con la cruda verità sui kilt scozzesi: Highlanders, tremate!


Scienza & Teologia

Lo Scatòlo - C9H9N - e l'Indòlo - C8H7N - sono composti chimici usati come ingredienti nella preparazione dei profumi: in piccole quantità, infatti, generano un odore fine e raffinato, simile all'aroma dei fiori d'arancio. Sconsigliamo però di accostarli senza un'adeguata diluizione. Le feci, infatti, devono proprio a questi composti il loro caratteristico fetore.
Teologia. La copertina del primo numero di Strane Storie ha rivelato al mondo una Verità Ultima che solo ora è stata notata: Dio ha due piedi destri! La Bibbia non sarà più la stessa...


FAI DA TE
a cura del prof. Ottolini
Come realizzare una Vera Testa Rimpicciolita!


Un oggetto esotico, misterioso, unico. Ecco cosa tutti vorremmo mettere in bacheca in salotto, sopra il divano, tra i ricordi appesi dei nostri viaggi, le foto dei lontani altrove delle nostre ferie e le pipe da giungla del nonno, quelle col bocchino smontabile e il fornello coperto. Proprio vicino al machete, quello vero, quello con il manico di legno di joppa e la lama ricavata da un parafango di camion, che vi ha regalato la vostra guida dopo i tre giorni di pista da Gualka a San Felis. Ebbene, lì nel mezzo, sotto vetro e ben illuminata - con pochi giorni di preparazione e una minima spesa - potrebbe esibire la propria eccezionalità una testa umana rimpicciolita.
Circolano molte credenze sulla capacità di certi stregoni dell'America del Sud di riuscire a ridurre parti del corpo umano (o addirittura esseri umani interi) e di riuscire a preservarli nel tempo come feticci o trofei magici. Parte di queste voci è vera: gli indios dell'alta Amazzonia, del Perù e dell'Ecuador conoscevano riti e procedimenti per ridurre le teste dei nemici a proporzioni non più grandi di una mela. Questi oggetti sono stati per anni ricercatissimi, ma alla fine del secolo scorso queste pratiche si sono estinte, sebbene ancor oggi si possano trovare abili contraffazioni, a prezzi esorbitanti. Ma in nostro aiuto accorre un testo fondamentale dell'antropologia ottocentesca, scritto da Sir Harris K. George Montmorency in forma di diario delle sue numerose spedizioni scientifiche nel cuore del Sud America tra il 1873 e il 1885. Sir Montmorency descrive con illuminante precisione ed efficacia le manipolazioni che un guerriero della tribù dei Shuar compì sulla testa di Sir Podger, suo compagno di viaggio nonché zio, durante il periodo in cui gli indios, decimata la spedizione, tennero i superstiti per mesi in cattività.
Vi riproponiamo le fasi di lavorazione in 10 pratici punti. Seppur scevri da excursus di natura scientifica e antropologica, se seguiti con precisione, assicurano un risultato duraturo e di certa soddisfazione.

1 - Prima di tutto dovete procurarvi una testa umana tagliata di fresco alla base del collo, di un lungo ramoscello flessibile, di alcuni bastoncini di legno e foglie di Pneumosporhea Gnatifolia. Se vi è difficile rintracciare questa pianta, potrete utilizzare del tasso o del pioppo e foglie di palma comune, con identici risultati. Altri materiali necessari sono di facile recupero: un cutter o un coltello molto affilato con lama corta, una pentola capiente, alcune pietre rotonde di circa 5 cm di diametro e un sacco di sabbia fine.
2 - Stringete con decisione la testa tra le ginocchia e incidete verticalmente la pelle del collo nella parte posteriore, dal bordo alla nuca.
3 - Scuoiate con cura il cranio, facendo attenzione a non danneggiare l'epidermide. Buttate via il cranio.
4 - Immergete la pelle così svuotata in acqua, scaldate fino a circa 80° e tenetevela per 15 minuti, smuovendola a intervalli con un legnetto.
5 - Scolate la pelle strizzandola con cautela su una superficie piana, poi, mentre è ancora calda, cucite il ramoscello con una cordicella di foglie intrecciate tutto intorno al lembo inferiore del collo. Cucite poi il taglio che avete precedentemente praticato per l'estrazione del cranio. Fate attenzione, in questa fase, a non danneggiare i capelli o le superfici pelose.
6 - Chiudete strettamente le labbra, inclinandole a piacere nell'espressione che vorrete, poi attraversatele entrambe con tre legnetti appuntiti, che cucirete immediatamente.
7 - Versate nel collo la sabbia (che avrete scaldato in precedenza) fino a colmare la pelle. Lasciate poi riposare tutta la notte. Ripetere questa operazione per 4 giorni, sostituendo ogni sera la rena bagnata con dell'altra asciutta e calda. Durante questo periodo la pelle seccherà gradualmente, stringendosi e tendendo ad aggrinzire. In questa fase dovrete porre molta attenzione nel modellare i lineamenti, spianando rughe, raddrizzando la linea dei capelli e tenendo chiuse le palpebre, che tenderanno a sollevarsi e a far uscire la sabbia.
8 - Svuotate la pelle e terminate l'essiccamento ponendovi all'interno le pietre ben calde. Lasciate a lungo al sole, o, in alternativa, in forno a 30°. Al termine di questa fase la pelle dovrà aver assunto una consistenza solida e resistente, simile a cuoio. Le dimensioni della testa saranno intorno ai 15 cm di diametro.
9 - Pettinate i capelli.
10 - Vantatevi con gli amici.
    



Speciale Vermi

Nello scorso numero abbiamo annunciato con un mozzicone di coda l'animale più lungo del mondo: un verme dei fondali spesso un pollice e lungo 40 metri (156.000 pixels). A voi il seguito di quel verme, che strisciando ci accompagnerà nei numeri a venire. Quando il verme finirà, hanno predetto, Strane Storie finirà.

pixels 1560...

...precedente
Torna alla home
seguente...