037
URANIA
COLLEZIONE


LA LUNA E' UNA SEVERA MAESTRA
di ROBERT A. HEINLEIN
(The moon is a harsh mistress, 1966)
FEBBRAIO 2006
Le colonie della Luna lottano per la loro indipendenza contro lo strapotere del governo terrestre: gli uomini che hanno attraversato lo spazio per aprire una nuova frontiera non sono disposti a tollerare il dispotismo di un giogo sempre più opprimente. Su questo tema classico, di grande respiro avventuroso, Heinlein costruisce uno dei suoi romanzi più memorabili, una trama di lotte e libertà che riscrive in chiave fantascientifica l'epopea della Rivoluzione americana.


PRIMA PUBBLICAZIONE SU RIVISTA: a puntate su "If", dicembre 1965 - aprile 1966.
PRIMA EDIZIONE IN VOLUME: Putnam, New York, 1966.
PRIMA EDIZIONE ITALIANA: "Urania" n. 446, Mondadori, Milano 1966.
IL GIUDIZIO: "Ancora oggi procediamo su una strada segnata dalle idee di romanzi come questo" (Tom Clancy).
Robert Anson Heinlein
Robert Anson Heinlein (1907-1988) è stato al lungo identificato con il concetto stesso di “science fiction” americana. Autore di romanzi e racconti che si inquadrano in una complessa storia futura, da Requiem  a La Luna è una severa maestra, da Universo a questi Figli di Matusalemme (Methusalah’s Childern, apparso su rivista nel 1941 e rielaborato nel 1958 per l’edizione definitiva in volume), ha immaginato coerentemente lo sviluppo del suo paese nel XXI secolo. Accusato a volte di militarismo (soprattutto a causa del romanzo per giovani Fanteria dello spazio, recentemente trasposto in film), ha esplorato tenacemente i suoi miti in romanzi variamente acclamati come Straniero in terra straniera, La via della gloria, Non temerò alcun male, Lazarus Long l’immortale, Operazione domani e altri. Al cinema, cui Heinlein ha collaborato fin dagli anni Cinquanta con la sceneggiatura di Destinazione Luna, si è visto anche un adattamento del suo romanzo d’invasione Il terrore dalla sesta luna.
Prezzo Euro 4,90
Formato cm. 12,7 X 18
Illustratore di Copertina Franco Brambilla 
Traduzione di  Antonangelo Pinna
Revisione di Laura Sandi
037
<< 036
038 >>
Pagina 
Urania Collezione