044
URANIA
COLLEZIONE


ECLISSI 2000
di LINO ALDANI
(1979)
SETTEMBRE 2006
La Terra Madre è un'astronave generazionale diretta a Proxima Centauri, il sistema stellare più vicino al sole. Non sfrutta impossibili propulsioni "overdrive" e non viaggia come la luce, nemmeno a una frazione della sua velocità. Occorreranno quindi secoli per arrivare a destinazione e trovare un nuovo mondo. Ma una parte dell'equipaggio della Terra Madre comincia ad avere sospetti, che presto si trasformano in qualcosa di infinitamente peggiore. Sulla Terra Madre si nasconde una terribile minaccia per la vita. Insieme al celebre romanzo Eclissi 2000, il volume contiene anche i racconti "Trentasette centigradi", "Sheòl" e "Labyrinthus", tra i più celebri della produzione di Lino Aldani.

PRIMA EDIZIONE DEL ROMANZO: De Vecchi Editore, Milano, 1979.
PRIMA EDIZIONE DEI RACCONTI: "Sheò", a puntate, con il titolo "Più in alto delle stelle", su "Oltre il cielo" n. 68-73, Roma 1960; "Trentasette centigradi", in "Futuro" n.4, Roma 1963; "Labyrinthus", in "Futuro Europa" n.23, Bologna 1998.
IL GIUDIZIO: "L'autore italiano di fantascienza più letto e tradotto nel mondo" (Ugo Malaguti).
Lino Aldani
Nato nel 1926 a San Cipriano Po (PV), ha vissuto a Roma fino al 1968, dove ha insegnato matematica, per poi ristabilirsi al suo paese natale. Ha cominciato a scrivere negli anni Cinquanta e a pubblicare nel 1960. Ha scritto soprattutto racconti fantastici e di fantascienza, e solo a partire dal 1977 alcuni romanzi: Quando le radici (1977, ma iniziato dieci anni prima), Eclissi 2000 (1979), Nel segno della luna bianca (ovvero Febbre di luna, 1980, in collaborazione con Daniela Piegai), La croce di ghiaccio (1989). Il suo quinto romanzo è pronto per la pubblicazione. Scrittore completo e ricco d'inventiva, Aldani trascende i limiti di un genere e si colloca tra gli autori del secondo Novecento che hanno saputo interpretare con maggiore sensibilità le radicali trasformazioni della realtà italiana.
Prezzo Euro 4,90
Formato cm. 12,7 X 18
Illustratore di Copertina Franco Brambilla 
044
<< 043
045 >>
Pagina 
Urania Collezione