PREMIO URANIA 1989
Ripercorriamo, tappa per tappa, tutto il cammino del 1° PREMIO URANIA.
<<<torna indietro
Nel numero 1092 del 15 Gennaio 1989, nella rubrica della "Posta" il famigerato <<alieno di redazione>> (alias Marzio Tosello) parla del PREMIO in questi termini:
"Allora, come va lì fuori, lettorucci cari? Cominciato bene l'anno nuovo? Scartabellato in tutti i cassetti, nel baule dimenticato in soffitta, sotto i mobili traballanti ricoverati in cantina per recuperare i vostri vetusti manoscritti da inviare al nuovo, stupefacente concorso di URANIA? Vi siete messi con santa fatica all'opera per distillare il meglio delle vostre letture in un nuovo, fantasmagorico romanzo da spedire a quei poveretti della giuria del premio URANIA, che hanno già programmato una fila lunga da qui a là di notti insonni da trascorrere sulle opere del vostro fecondo ingegno? Sappiamo per certo che, come minimo, saremo considerati alla stregua di santi - ma noi preferiamo solo il titolo di martiri della sf - da mogli, madri, fidanzate (vale anche il maschile, è superovvio) che finalmente vedranno sparire quella massa informe di fogliacci che per anni avete custodito come fossero il Graal. Bene, mandateceli, e liberate pure le vostre case: nessuno di loro tornerà più a tormentarvi: è una bella prospettiva, dite la verità...."
Nel numero 1093 del 29 Gennaio 1989, nella rubrica della "Posta" il famigerato <<alieno di redazione>> riparla del PREMIO:
"Allora, come và lì fuori? Sempre vispi e arzilli? Sempre felicemente amici della vostra cara vecchia rivista che una ne fa e l'altra la pensa per starvi vicina? Dopo il Premio URANIA e la nuova collana di fantasy, siamo quasi pronti...." in fondo alla rubrica ritorna il discorso sul PREMIO in risposta alla richiesta di alcuni lettori sulla possibile pubblicazione, nella collana fantasy, di autori italiani e quasi di passaggio, celatamente, traspare dalla risposta lo scetticismo sull'iniziativa:
"...e vuole sapere se nel prossimo futuro potranno trovarvi anche antologie di racconti più o meno lunghi, romanzi brevi e, udite udite!, romanzi di autori italiani. Diciamo subito che le antologie sono rimandate a quel dì, vale a dire che se ne riparlerà probabilmente fra qualche anno. Insomma, lasciamo consolidare la collana (Urania Fantasy n.d.r.), poi si potranno fare tutti gli esperimenti che si vuole. Per quanto riguarda l'annoso problema degli autori italiani, vale quanto già detto in tante occasioni: i lettori italiani snobbano gli scrittori italiani. E poiché l'obiettivo nostro è quello di fare un'editoria il più possibile di massa e non d'élite, eco spiegate le reticenze ad "aprire" da autori nostrani.. Comunque quest'anno c'é il Premio URANIA, e in autunno pubblicheremo il romanzo vincitore. La tenuta della compattezza del fronte dei lettori uraniani verrà allora messa alla prova. Speriamo di scoprire che abbiamo sempre avuto torto. Saremo subito pronti a cambiare idea."
Nel numero 1095 del 26 Febbraio 1989 l' <<alieno di redazione>> ritorna sul discorso:
"...Poiché dovreste già sapere tutti ogni cosa sul grande Concorso di URANIA, ricordiamo egualmente agli immemori, a quelli che cercano scorciatoie - leggi raccomandazioni - inviandoci i loro romanzi per altri canali, che d'ora in avanti verranno presi in considerazione solo i dattiloscritti inviati direttamente per il concorso. Tutto il resto... verrà usato per accendere il caminetto. Ovviamente tale sorte non sarà - non ancora - riservata ai racconti, per i quali si sta studiando qualcosa di a tutt'oggi talmente segreto che solo con queste parole vi ho già detto troppo. Riassunto: non mandate più romanzi fuori dai termini del concorso (da dicembre al 30 aprile) ma spedite pure i vostri racconti..."
Nel numero 1103 del 18 Giugno 1989 l' <<alieno di redazione>> fa un poco la situazione sul PREMIO:
"... Tema: Concorso URANIA per un romanzo inedito. Ne sono giunti a decine, e tutti se ne stanno in lettura presso quella mini-legione di martiri che sono stati scelti per selezionarli. Nomi di questi augusti personaggi, e di quelli che compongono la Giuria, verranno comunicati entro breve tempo. Quello che mi preme sottolineare ora é che il Premio verrà consegnato, e quindi solo allora verrà svelato il nome del vincitore, durante la manifestazione napoletana Futuro Remoto, che si terrà, udite udite!, nel prossimo mese di dicembre. Dicembre! urlerà qualcuno di voi inorridito: ma allora come faccio a sapere se sono io il prescelto oppure no? Niente paura, alienucci cari, e io che ci sto a fare? Poiché i tempi si sono allungati oltre il previsto - all'inizio, quando si lanciò il concorso, si pensava a una premiazione in settembre, quindi in epoca tutto sommato "umana" per tempi d'attesa e patemi d'animo - sarà nostra cura (mia e della redazione) avvertire, in tempi ragionevoli - durante l'estate? nel primo autunno? vedremo - tutti i partecipanti. Ma non pubblicamente, per evitare sberleffi corali, bensì privatamente; com'é ovvio, e anche già detto, i dattiloscritti non verranno restituiti, ma questo lo sapevate già, vero?
segue>>>
Torna all'indice dei PREMI