"I Romanzi di Urania" n° 10
20 FEBBRAIO 1953

Anno 2650
di Alfred Elton VAN VOGT

LA TRAMA (dalla 2^pagina)
Proiettarsi nel futuro sulle ali della fantasia di A.E. VAN VOGT, vuol dire buttarsi nell'avventura a fianco di un compagno di viaggio ardito, preparatissimo, profondo, sempre plausibile. Nel 2650, il Sistema Solare e l'universo hanno veduto realizzate sul piano attuale tutte le premesse scientifiche dei secoli precedenti. Ed al progresso scientifico si affianca, indispensabile bagaglio morale, una nuova filosofia, un nuovo modo di concepire il mondo e la vita. Nell'universo, tuttavia, vivono ed operano comunità umane che insistono sugli atteggiamenti bestiali della guerra d'aggressione, di conquista. Il mondo A-nullo sognato da Van Vogt entra così in conflitto con la Galassia dove al progresso tecnico più sublime non fa riscontro il progresso psicologico di cui ha beneficiato invece tutto il Sol, il nostro sistema solare. Ancora una volta la civiltà avrà la meglio sulla barbarie, l'uomo avrà la meglio sulla macchina, lo spirito riuscirà a dominare la materia. Non ci sbalordiranno, qui, soltanto le realizzazioni della tecnica: resteremo annichiliti di fronte all'UOMO del futuro. L'uomo del 2650 che ha potuto rendersi QUASI immortale..  ANNO 2650 è un racconto che non vi darà respiro. E' un'avventura che costringerà alla superficie tutto il potenziale emotivo di cui siete dotati.
IL SOMMARIO 
Pagina     2 Trama del Romanzo
Pagina     3 Romanzo "Anno 2650" (The world of A) di Alfred E. Van Vogt. Traduzione di Sem Schluper.
Pagina 149 (Appendice) 10^ di 12 puntate di "Oltre l'invisibile" (Time and again) di  Clifford D.  Simak. Traduzione di Giorgio Monicelli.
Pagina 155 Varietà
ALTRI DATI
Prezzo Volume
Lire 150
Dimensioni Volume
cm. 20 X 14
Illustratore Copertina
Curt CAESAR
Torna all'elenco
<< Precedente
Successiva >>