"I Romanzi di Urania" n° 20
20 LUGLIO 1953

Paria dei cieli
di Isaac ASIMOV

LA TRAMA (dalla 2^pagina)
Che cosa sarà il nostro pianeta tra cinquanta, centomila anni? <Paria dei cieli> è infatti un balzo di questo genere  nel remoto futuro: e questo balzo lo fa un uomo qualunque dei nostri giorni scivolando incosciamente in una falla del Tempo apertasi all'improvviso sul suo cammino, ad opera di un'oscura fase di una certa fissione nucleare.. E ricade su di una Terra che egli dapprima si rifiuterà di riconoscere per sua. Ritroverà infatti il nostro povero pianeta popolato da soli venti milioni di individui che "nuove" condizioni ambientali hanno ridotto a un branco di nevrotici superstiziosi, afflitti da morbi strani, da un profondissimo complesso d'inferiorità razziale. Guerre atomiche spaventose, infatti, hanno reso radioattivo il suolo e ridotto la Terra il pianeta paria del nuovo, meraviglioso e felice Impero Galattico. La Terra vuole vendicarsi. Medita e sta per attuare un'orrenda vendetta suscettibile di ricondurre il caos nel Cosmo. Ma un uomo, un ometto qualunque dei nostri giorni, diventerà arbitro del destino di un'immensa galassia e della nostra Terra.
IL SOMMARIO 
Pagina     2 Trama del Romanzo
Pagina     3 Romanzo "Paria dei cieli" (Pebbles in the sky) di Isaac Asimov. Traduzione di Sem Schluper.
Pagina 143 (Appendice) 3^ di 3 puntate di "Entra la morte" (Enter the death) di  Rex Stout. Traduzione non indicata.
Pagina 156 Varietà
ALTRI DATI
Prezzo Volume
Lire 150
Dimensioni Volume
cm. 20 X 14
Illustratore Copertina
Curt CAESAR
Torna all'elenco
<< Precedente
Successiva >>