"URANIA" n° 155
4 LUGLIO 1957

Tradotto dal marziano
di Francis DIDELOT

LA TRAMA (dalla 2^pagina)
Ecco una nuova teoria sulla possibile esistenza di una civiltà marziana. Il progredito popolo di Marte è un popolo di termiti, e questo romanzo è il diario appunto di una termite che, inviata sulla Terra dai propri fratelli, cerca di scoprire se il nostro pianeta può offrire la vita e la salvezza al suo popolo minacciato dall'inedia sul suo mondo morente. La termite viene sbarcata sulla Terra in sembianze di un bellissimo giovane, ma senza alcuna nozione della psicologia degli umani, delle loro usanze, della loro mentalità. E deve scoprirlo da sé, a proprie spese, passando attraverso esperienze per noi normalissime, ma per una termite, assolutamente sbalorditive. In questo straordinario romanzo, la razza umana è descritta con tutti i suoi difetti e le sue virtú; e il lettore vi si vede riflesso come in uno specchio spietatamente obiettivo, e si diverte alle buffe reazioni della termite, nella quale predomina lo spirito degli interessi comuni del termitaio, di fronte all'individualismo, alla disorganizzazione, al disordine, all'egoismo dei terrestri, al loro modo d'amare, e di concepire l'esistenza. Il romanzo è un vero capolavoro del genere, tanto per la stile, quanto per il contenuto, mai gratuito, sempre rigorosamente aderente alla materia che tratta: la psicologia di una termite in confronto a quella del genere umano.
IL SOMMARIO 
Pagina     2 Trama del Romanzo
Pagina     3 Romanzo "Tradotto dal marziano" (Traduit du martien) di Francis DIDELOT. Traduzione di Patrizio Dalloro.
Pagina 112 (Appendice) 15^ di 16 puntate de "Uomini d'altri pianeti" (Men of the other worlds) di Kenneth HEUER.
Pagina 123 Varietà
ALTRI DATI
Prezzo Volume
Lire 130
Dimensioni Volume
cm. 20 X 14
Illustratore Copertina
Curt CAESAR

 
Torna all'elenco
<< Precedente
Successiva >>