"URANIA" n° 172
27 FEBBRAIO 1958

Asteroide 588 Achille
di Jean Gaston VANDEL

LA TRAMA (dalla 2^pagina)
Nel fondo di un cratere roccioso, sotto la superficie di un minuscolo pianeta appartenente alla fascia degli asteroidi gravitanti fra l'orbita di Marte e quella di Giove, il biologo Maillet scopre un laghetto completamente ghiacciato. Di questo ghiaccio egli preleva un campione, da analizzare non appena rimesso piede sulla Terra; e non sa di aver dato inizio, con questo semplice gesto, a una nuova èra nella storia dell'umanità. Di piú non diciamo, per non sciupare il piacere della lettura ai fedeli di Urania. Come sempre, Jean-Gaston Vándel è inimitabile. Questo versatile scrittore, che racconta i suoi romanzi con uno stile facile e scorrevole, osservando una logica rigorosà anche nei particolari apparentemente piú trascurábili, che tratteggia i suoi personaggi in modo da rivelare un'ottima conoscenza dei caratteri umani, è il tipico autore della letteratura chiamata "d'evasìone" : non annoia mai.
 IL SOMMARIO 
Pagina     2 Trama del Romanzo
Pagina     3 Romanzo "Asteroide 588 Achille" (Le Troisième bocal) di Jean Gaston VANDEL. Traduzione di Andreina Negretti.
Pagina 117 (Appendice) 4^ di 5 puntate "Le acque di Saturno" (The martian way) di Isaac ASIMOV.
Pagina 124 Varietà.
ALTRI DATI
Prezzo Volume
Lire 150
Dimensioni Volume
cm. 20 X 14
Illustratore Copertina
Carlo Jacono

 
Torna all'elenco
<< Precedente
Successiva >>