"URANIA" n° 205
7 GIUGNO 1959

La grande luce
di Robert RANDALL

LA TRAMA (dalla 2^pagina)
Quando la Terra sarà finalmente pacifìcata, l'uomo non resisterà a lungo senza lotte e competizioni; e allora andrà a cercare fra le stelle il luogo più adatto per gettare il seme della discordia, innato in lui. Questa la concezione di Robert Randall audace autore di La Grande Luce. Attorno al suo pessimistico concetto della natura umana, Randall ha costruito un romanzo piacevole, creato personaggi garbati, inventato un mondo: Nidor. Nidor, pianeta perpetuamente ammantato da una spessa coltre di nubi. Nidor, che vive da millenni in modo immutabile. Nidor, dove la vita scorre placida e piacevole fino al giorno in cui i Terrestri scoprono la sua esistenza e quella dei suoi onesti e ingenui abitanti. Con un inganno che sembra ìspirato all'antica astuzia greca, i Terrestri compaiono su Nidor, entrano a far parte della sua vita, una gran parte, e risvegliano nei Nidoriani irrequietezza e ambizione. Ma non sì accorgono di aver insegnato loro anche l'arte sottile della deduzione logica e del sospetto. E quando i Nidoriani avranno acquisito quest'arte, i Terrestri dovranno cercare altrove per sfogare la loro subdola attività.
IL SOMMARIO 
Pagina     2 Trama del Romanzo
Pagina     3 Romanzo "La grande luce" (The Shrouded Planet) di Robert RANDALL. Traduzione di Beata Della Frattina.
Pagina 115 (Appendice) 16^ di 16 puntate de "Nemici nell'infinito" (Alien universe)di E. C. TUBB.
Pagina 118 "Il dono del dott. Leibster" (The doctor Leibster gift) di Leonid TIEPLOV
Pagina 122 Varietà
ALTRI DATI
Prezzo Volume
Lire 150
Dimensioni Volume
cm. 20 X 14
Illustratore Copertina
Carlo JACONO

 
Torna all'elenco
<< Precedente
Successiva >>