Urania Movie
TORNA ALLA
PAGINA DI
PRESENTAZIONE
TORNA ALL'INDICE
DEI FILM
GIRA  GIRA  GIRA


IL LIBRO

 


Giudizio di Urania&Co.
Ottimo
L'uomo che cadde sulla Terra
(The Man Who Fell to Earth)
(1963)
Il romanzo L'uomo che cadde sulla Terra (The Man Who Fell to Earth, 1963) di Walter TEVIS venne pubblicato in Italia per la prima volta su URANIA n°357 dell' 8 Novembre 1964. Qui sotto riportiamo l'illustrazione di copertina che è opera di Karel Thole

L'uomo che cadde sulla  Terra verrà poi riproposto, nel n°694 di Urania dell' 11 Aprile 1976,  in occasione dell'uscita nelle sale italiane della versione cinematografica.
E' fu numero di Urania veramente eccezionale per due motivi: 1° innaugurò la serie Argento di Urania; 2° in appendice al romanzo venne pubblicata la sceneggiatura completa del film con diverse immagini dello stesso.

Dalla seconda pagina del n°357 di Urania :
Presa com'è fra le avventure da una parte e le idee dall'altra, accade di rado che la fantascienza produca dei <<personaggi>> indimenticabili. Ma siamo sicuri che il fragile, malinconico e misterioso Newton, protagonista di questo romanzo d'eccezione, resterà a lungo nella memoria del lettore. La storia di una discesa fra gli uomini, del suo folgorante successo di businessman,  e infine della sua <<caduta>> va vista anche come un crudele e poetico apologo, che ha una forza di suggetsione assai rara, ci sia lecito dire, nella letteratura cosiddetta <<seria>>.
Dalla 4^ di copertina 
del n°694 di Urania del 11 Aprile 1976.


Gli incontri tra cinema e fantascienza non sono stati sempre felici. Da uno dei generi letterari più stìmolanti, più ricchi d'idee, che esistano, i cineasti non hanno in genere saputo trarre che effetti grossolani o bislacchi, trame puerili, brividi truculenti. C'è stata l'eccezione di Kubrik (con Odissea 2001) e c'è ora l'eccezione di Nicolas Roeg, un regista dell'ultima, geniale leva americana, che ha scelto fra centinaia di soggetti, pare che sia un uomo molto "difficile", il bellissimo romanzo di Walter Tevis, che apparve su Urania nel 1964. L'uomo che cadde sulla Terra si può leggere in due modi. Come la storia di un extraterrestre che, vendendo all'industria i suoi mirabolanti segreti tecnologici, diventa ricchissimo e potentissimo, ma viene infine distrutto da terrestri. O come una parabola con risonanze addirittura evangeliche, suggestioni di un'altra "discesa sulla Terra", di un altro breve viaggio tra gli uomini, di un altro "martirio". E' un libro semplice e misterioso, delicato e crudele, un gioiello isolato che non ha avuto predecessori e imitatori. Gli dedichiamo questo numero speciale, che contiene in appendice una notevole curiosità per tutti gli appassionati di cinema e di fantascienza: la sceneggiatura del film.
 
 

IL FILM

Trailer con  Space Oddity di David Bowie come colonna sonora



 
 

Giudizio di Urania&Co.
Molto Buono
L'uomo che cadde sulla Terra 
(1975)

       

Il mio nemico
(Enemy Mine) 
E' un film che ha incontrato un buon successo di pubblico sia perchè sorretto da una solida sceneggiatura, sia perchè nelle panni del protagonista NEWTON ci si è calato una delle popstar più apprezzate di sempre: DAVID BOWIE, che all'epoca era all'apice della sua carriera artistica, e che naturalmente curò anche le musiche del film. 

Urania&Co. dà un giudizio positivo per quello che non è stato un capolavoro ma che rimane comunque un film che ha lasciato un suo segno originale nel panorama del cinema di FS.

DA VEDERE

SCHEDA FILM

 
PRODUZIONE
Gran Bretagna
ANNO
1975

 
REGIA
Nicolas ROEG
SCENEGGIATURA
Paul MAYERSBERG
MUSICA
David BOWIE

 
ATTORI
DAVID BOWIE
BERNIE CASEY
CANDY  CLARK
BUCK HENRY
LINDA HUTTON
JACKSON KANE
TONY MASCIA
RICK RICCARDO
RIP TORN