Torna all'indice dell'altra faccia della spirale


COLLANA NUOVO MILLENNIO GARDEN EDITORIALE - UNICO VOLUME
I mondi di Delos (Le dimensioni del Fantastico)
I MIGLIORI RACCONTI DI FANTASCIENZA PUBBLICATI IN INTERNET
a cura di Franco FORTE e UBIK
(APRILE 1999)
Questo volume ha una particolarità: è forse il primo volume che in Italia ha raccolto una serie di racconti, di fantascienza per l'appunto, che erano già stati pubblicati ma solo sulla rete, su Internet, e non solo sono tutti racconti scritti da autori italiani. E l'esperimento riesce perfettamente: una splendida antologia dai contenuti di alto livello che rimane una testimonianza autorevole del panorama degli autori che in questi ultimi anni sono emersi nel nostro paese in campo fantascientifico.
Era prevista come una pubblicazione trimestrale, per lo meno all'inizio, e invece questo é rimasto un numero unico di questa collana. Forse l'ideale seguito è da considerarsi la collana Fantascienza.com della SOLID che viene venduta solto tramite internet al seguente indirizzo http://www.libersapiens.it/ , ed è curata da Franco Forte, e che, non a caso, ha pubblicato, proprio a maggio di quest'anno, il volume preannunciato come 2° numero di NUOVO MILLENNIO "Ombre nel silenzio" di Franco FORTE e Luigi PACHÌ. Qui sotto riproponiamo le copertine: a sinistra quella preannunciata e a destra quella pubblicata dalla SOLID.

Una nota curiosa per gli appassionati, quest'estate un'edicola calabrese ne aveva ancora alcune copie (4/5) in vendita, riprezzate in Euro (4,50 se non ricordo male), tanto da indicare che le "rese" erano state rimesse in circolazione e... nel giro di qualche giorno le aveva vendute tutte!!!

Urania&Co. Novembre 2002
Ma vediamo come Ubik, uno dei curatori di questo volume, presenta la collana nell'introduzione:
Nasce una nuova collana da edicola dedicata alla fantascienza. O meglio, alla narrativa del fantastico in generale, dalla science fiction classica all'horror all'heroic fantasy.
L' impresa, date le premesse, appare subito in tutta la sua complessità, ma proprio per questo la sfida ci sembra ancora più interessante.
La collana Nuovo Millennio, che avrà periodicità trimestrale e ambizioni non certo inferiori a quelle delle testate già presenti in edicola, s'inserisce nel mercato puntando essenzialmente su due fattori imprescindibili: l'elevata qualità del materiale che pubblicheremo e I' estrema attenzione alle esigenze e alle aspettative del pubblico, che invito fin da ora a dialogare direttamente con noi per farci avere consigli, idee e suggerimenti, o semplicemente per esprimere le proprie opinioni personali su questo primo volume che inaugura la collana (il nostro indirizzo e-mail, per chi ha la possibilità di usare internet, è: garden@planet.it).
Per quanto ci sarà possibile cercheremo di dare ascolto a tutti, ed evolveremo la collana in modo da accogliere le proposte più intelligenti e assicurare la massima versatilità.
Altro importante punto di distinzione con ciò che già offre il mercato sarà l'intenzione di puntare con forza e con convinzione sul prodotto nazionale, dedicando quanti più numeri all'anno agli scrittori italiani e augurandoci che possano diventare dei punti di riferimento per tutti gli appassionati e per tutti coloro che si muovono, in forma più o meno marginale, nel mondo del fantastico.
Uno di questi volumi "italiani", che vorrebbe diventare un appuntamento fisso di prestigio, sarà un'antologia collettiva che raccoglierà i migliori racconti di fantascienza dell' anno, sulla scorta delle pubblicazioni americane "The Best Year's Science Fiction". Ma la nostra collana non esiterà anche a pubblicare antologie personali di autori italiani, o romanzi completi che riterremo abbastanza validi da poter essere presentati al pubblico senza sfigurare nel confronto con gli scrittori anglosassoni, nonché la ripresentazione ai lettori di opere che hanno segnato la storia della fantascienza italiana ma che si sono perse nelle pieghe del tempo e che ormai risultano introvabili.
Ma veniamo a questo numero d'esordio, dedicato a uno dei più sorprendenti fenomeni dell'era moderna: la rivista elettronica Delos, realizzata e distribuita esclusivamente in Internet, che ormai da cinque anni mantiene uno standard di pubblicazione elevatissimo e ha presentato all'interno delle sue pagine, nella rubrica Script curata da Franco Forte, un numero impressionante di racconti di altissimo livello.
Luigi Pachì e Silvio Sosio, due autentici pionieri dell'editoria informatica, ci racconteranno dettagliatamente, nella postfazione a questo volume, la storia di Delos e la sua lenta ma costante ascesa alI'olimpo dei migliori prodotti internazionali realizzati in Internet.
Delos è stata, e continua a essere, un serbatoio preziosissimo di informazioni, articoli, saggi e tanta narrativa di qualità, a uno standard così elevato che ci è sembrato giusto proporre al grande pubblico (quello più vasto e non necessariamente legato agli universi virtuali di Internet) una selezione dei migliori racconti pubblicati in formato elettronico dall' anno della sua fondazione a oggi (e per fare questo ci siamo avvalsi del valido aiuto di Franco Forte, senza il quale tutta l'operazione sarebbe stata difficilmente
realizzabile).
Come si potrà constatare subito dando un' occhiata al sommario del volume, Delos ha pubblicato autori che negli ultimi anni si sono imposti alI' attenzione del pubblico sia in Italia che ali' estero con grande successo, ma anche una nutrita schiera di esordienti o quasi-esordienti, il cui valore delle loro opere non è comunque inferiore a quello dei professionisti del genere.
Il materiale a nostra disposizione per la realizzazione di questa antologia era così vasto e di alta qualità che non è stato facile operare le scelte limitate al numero di racconti che potevamo ospitare in questo volume, ma fin da ora possiamo assicurare i lettori che l' appuntamento con il meglio della narrativa di Delos si proporrà anche l'anno prossimo per dare a tutti la possibilità di gustare le opere che fino a oggi solo gli scorridori della Rete avevano avuto modo di conoscere.
L'ordine di pubblicazione dei racconti selezionati è stato deciso arbitrariamente, a prescindere dalla cronologia temporale di uscita delle opere su Delos o da altre considerazioni quali l'ordine alfabetico o la simpatia del curatore verso gli autori. Forse il lettore attento riuscirà a intuire il criterio che ha guidato le nostre scelte, ma se così non fosse non c' è assolutamente da preoccuparsi: si tratta essenzialmente di una sinecura dei curatori, che sono dei noti burloni che si divertono a giocare con il frutto del loro lavoro.
Per quanto riguarda il genere delle opere pubblicate, la maggior parte dei racconti sono di fantascienza classica , ("Seconda giustificazione: la macchina" di Enrica Zunic, "Monoguerra" di Milena Debenedetti, "Lacio Drom" di Francesco Grasso, "Una rotta per Asintote" di Antonio Piras), con frequenti incursioni nel cyberpunk ("Beethoven blues" di Pier Luigi Ubezio, "Violet Blu" di Alberto Cola, "Libero come un uccello" di Federico Gattini, "Yogurt Trip GirI" di Giovanni Polesello ), ma non mancano i racconti surreali o manifestamente horror ("Elmo Superotto Autovox" di Giovanni Burgio, "Giuro" di Andrea Colombo,
"Splatter" di Roberto Beccalli, "Il cimitero degli elefanti" di Mauro Franzin), come non ci siamo fatti scrupoli nel presentare opere che si avvicinano solo marginalmente al fantastico ma la cui suggestiva forza di scrittura le ha imposte nel gradimento del pubblico ("Nelson, nel bianco" di Enrico Fovanna e "Ultime notti di Joe Smalto allo specchio" di Salvatore Perillo). Dulcis in fundo, qualche nostalgico ripescaggio di racconti risalenti agli anni settanta-ottanta ("Fiori di cartapesta" di Remo Guerrini, "Dove muore l'astragalo" di Livio Horrakh, "Ma come si può uccidere così un amore?" di Lanfranco Fabriani) che ancora non hanno perso la loro lucida freschezza e si sono mantenuti perfettamente attuali e godibili.
Un panorama quanto mai vario e completo, insomma, non solo di quanto ha pubblicato negli ultimi cinque anni Delos, ma anche del vitale scenario in cui si muove la fantascienza italiana, con continue scoperte di nuovi talenti e conferme di autori che ormai sono diventati delle colonne portanti della narrativa nazionale del fantastico ("L' apocalisse può attendere" di Vittorio Curtoni e "Povero Angelo"
di Luca Masali). 
Da parte mia, buona lettura e arrivederci al secondo volume di Nuovo Millennio in edicola agli inizi dell'estate: "Ombre nel silenzio", un romanzo inedito di Franco Forte e Luigi Pachì assolutamente da non perdere, condito da alcuni straordinari racconti di due tra i più attivi e riconosciuti esperti italiani del fantastico. 
Ubik
SOMMARIO
PAGINA     2 SOMMARIO
PAGINA     5 Introduzione di UBIK
PAGINA     9 "Beethoven Blues" di Pier Luigi UBEZIO.
PAGINA   21 "Libero come un uccello" di Federico GATTINI.
PAGINA   33 "Il cimitero degli elefanti" di Mauro FRANZIN.
PAGINA   57 "Lacio Drom" di Francesco GRASSO.
PAGINA   86 "Fiori di cartapesta" di Remo GUERRINI.
PAGINA 101 "Seconda giustificazione: la macchina" di Enrica ZUNIC.
PAGINA 121 "Splatter" di Roberto BECCALLI.
PAGINA 137 "Come si può uccidere così un amore?" di Lanfranco FABRIANI.
PAGINA 149 "Povero angelo" di Luca MASALI.
PAGINA 157 "Yogurt Trip Girl" di Giovanni POLESELLO.
PAGINA 168 "Elmo Superotto Autovox" di Giovanni BURGIO.
PAGINA 180 "Violet Blu" di Alberto COLA.
PAGINA 189 "Giuro" di Andrea G. COLOMBO.
PAGINA  201 "Nelson, nel bianco" di Enrico FOVANNA.
PAGINA  215 "Una rotta per Asintote" di Antonio PIRAS.
PAGINA  227 "Dove muore l'astragalo" di Livio HORRAKH.
PAGINA  241 "Monoguerra" di Milena DEBENEDETTI.
PAGINA  259 "L'Apocalisse può attendere" di Vittorio CURTONI.
PAGINA  267 "Le ultime notti di Joe Smalto allo specchio" di Salvatore PERILLO.
PAGINA  279 La storia di DELOS SCIENCE FICTION.
                      Dalle fanzine alla più prestigiosa rivista online d'Italia di Luigi PACHÌ e Silvio SOSIO.

ALTRI DATI

Prezzo Volume
Lire 8.900
Dimensioni Volume
cm. 19,5 X 11,5
Illustrazione di copertina
Dino Marsan 
Torna all'indice dell'altra faccia della spirale