Curiosità 
<<Precedente
Successivo>>
Questa pagina si occupa delle curiosità di Urania e delle collane affini.
La periodicità di questa rubrica è mensile.

 
Curiosità del mese di Agosto 2002
URANIA e "IL PRINCIPE DELLE TENEBRE"
(Fantascienza e Vampirismo)

Prima che nel 1897 lo scrittore irlandese Bram STOKER scrivesse il famoso romanzo, in forma epistolare,  "Dracula", il Vampirismo era soltanto, a parte alcuni trattati che ne facevano menzione, una credenza popolare di origine slava che consisteva nel credere che alcuni cadaveri abbandonano di notte la loro tomba e, muovendosi con fattezze da pipistrelli, assalgono i viventi per succhiarne il sangue. Ma da quel momento in poi la letteratura ed il cinema, il primo film dedicato ai vampiri risale al 1920, hanno sfornato a getto continuo storie e ripercorso leggende legate al "Principe delle tenebre" ed ai suoi simili.
La letteratura fantascientifica non è stata da meno, in quanto genere letterario che spesso si fonde con l'horror, mettendoci quell'elemento in più che è la rappresentazione del Vampiro come essere alieno.
Urania, naturalmente,  in quanto massima espressione dell'editoria FS in Italia, ha presentato diverse opere che annoverano Vampiri di ogni genere come protagonisti. Insieme cercheremo perciò di ripercorrere, come fosse un filo rosso "sangue", questo percorso lungo mezzo secolo. 




Ed eccoci alla prima "apparizione" di Vampiri sulle pagine di Urania
si tratta di un racconto apparso in Appendice al n° 51 (3/7/1954):
a pagina 107 "Il mondo dei vampiri" (The darker light) di C. Cartmill.
Vi è narrata, in 7 pagine, la storia di uno scienziato ribelle e di due vampiri troppo avidi.


Anche la seconda storia appare un poco in sordina sempre in Appendice 
questa volta ad Urania n° 56 (20/9/1954) ed è il racconto:
a pagina  "Il vampiro degli spazi" (The leech) di Philips BARBEE.
  E' la storia di una sanguisuga spaziale(10 pagg.)


Finalmente arriva un romanzo e gli onori di un titolo di copertina,
Urania n° 68 (20/1/1955):
"Vampiri della morte" (The trascendent man) di Jerry Sohl
Questa è la trama:
"Creature provenienti dalle profondità del cosmo sono tra noi. Invisibili, operanti su un altro piano materiale che non il nostro, da milioni di anni essi perseguono un loro fine misterioso ed immenso, nel quadro del quale rientrano le sorti dell'umanità. Ma gli uomini non possono vedere queste creature. Chi sono? Donde vengono? Le misteriose creature provengono dal quarto pianeta della fulgida stella ALFA AURIGAE, detta anche CAPELLA, o CAPRA, della costellazione dell'Auriga. È una stella doppia, distante 55 anni-luce dal nostro Sole. Cinquantamila anni fa il nostro pianeta fu invaso da queste creature superiori, che per scopi misteriosi infusero negli animaleschi primati che allora popolavano la Terra la potenza mentale e spirituale che permise loro di diventare esseri umani.. Ma una crisi è imminente: l'umanità sta per perdere il dono preziosissimo della ragione, avuto 50 millenni or sono: le creature del pianeta di Alfa Aurigae stanno per abbandonare la Terra, portando seco ciò che ci dettero. Il giornalista Martin Enders non avrebbe mai scoperto tanto, se la sorte non lo avesse fatto innamorare della bellissima Virginia Penn. Una serie di eventi terrificanti, sovrumani, la cui origine è da ricercarsi negli imperscrutabili motivi di esseri operanti in altre regioni e altri pianeti del cosmo, si scatena in questi VAMPIRI DELLA MORTE, autentico capolavoro della più audace e ingegnosa fantascienza. Jerry Sohl è insuperabile."


Anche se il termine "Vampiri" viene usato nel  titolo come metafora,
il romanzo che segue, vale la pena che sia rammentato in questa rassegna,
Urania n° 203 (10/5/1959) e n°513 (4/5/1969):
Il vampiro del mare (The tide went out) di Charles Eric MAINE. 
Questa è la trama:
Leggendo questo romanzo dell'ottimo Charles Eric Maine, vien fatto di pensare con un brivido a che punto esattamente la fantasia si sostituisce alla realtà, perché i fatti sui quali il romanzo si basa, e dai quali l'autore trae le sue tragiche deduzioni, sono realmente accaduti nel mondo d'oggi. I fatti che tutti conosciamo, sono questi: a titolo sperimentale, da anni, vengono fatte esplodere bombe sempre piú potenti, perfino sotto la superficie dei mari. Ebbene, se una di queste bombe creasse un'immensa falla nel letto di un oceano, quali ne sarebbero le conseguenze? Forse, la bocca del vampiro, alla quale l'autore paragona la voragine spalancata sul fondo marino, succhierebbe dalla Terra l'elemento che le dà la vita: l'acqua. Spietato nel suo agghiacciante pessimismo, il romanzo descrive la spaventosa agonia degli uomini destinati a morire, e ai quali viene ostinatamente taciuta la verità perché si possa compiere il tentativo disperato di salvarne almeno una parte.

L'elenco continua con dei Vampiri "Alieni":
Urania n°240 (9/10/1960)
I vampiri di Bellatrix (La rosée du soleil) di Chareles Henneberg 

Questa è la trama:
Un comandante d'astronave che si sente diventare inutile e guarda con sospetto i suoi ufficiali più giovani, un pilota perfettamente condizionato a svolgere nel modo migliore il suo compito, un secondo pilota pieno di fantasia e d'inventiva, un giovane meccanico che si interessa di letteratura e medicina, una piccola ma potente astronave terrestre in rotta fra Nettuno e Plutone, che improvvisamente dà delle noie al suo equipaggio. Poi il rosso sole Bellatrix che tinge di sangue il suo pianeta. Siamo nell'anno 2300, gli uomini hanno conquistato lo spazio, conoscono i mondi che lo popolano, ma un pianeta come quello illuminato da Bellatrix, e sul quale riesce ad atterrare l'astronave della Terra, non l'hanno mai visto. Il il più strano e il più incomprensibile che abbiamo mai incontrato. E' un mondo dominato da un popolo acquatico, con stupende città che appaiono e scompaiono come miraggi nel deserto, con montagne di puro diamante, abitato dalle più disparate creature, alcune timide e dolci e paurose, altre violente e primitive, altre ancora goffe e stupide, o sfuggenti e misteriose. E su quel pianeta i quattro astronauti vivono la più terribile avventura della loro vita, che per alcuni di loro sarà anche l'ultima

Con Urania n°314 (11/8/1963) torna una racconto
che fa parte di un'antologia di vari autori intitolata
"Avventure sui pianeti".
Il racconto è di Fredrik Brown ed è
"La razza dominante" (Blood).
In realtà è un microracconto di una sola pagina con un finalino "shock" correte a leggerlo!!!



Urania n° 622 (8/7/1973) presenta in appendice il racconto di circa 40 pagine:
"La sindrome di Dracula" (His coat so gay) di Sterling E. LANIER
Storia tutta particolare di vampirismo in America.


Con Urania n°744 (12/3/1978) ecco un altro romanzo di Horror-SF
I vampiri dello spazio (The space vampires) di Colin Wilson
Questa è la trama:
Autore di una vasta Enciclopedia del crimine e studioso del soprannaturale e dell'occulto, Colin Wilson non poteva mancare prima o poi all'appuntame con la fantascienza. Ma se l'inizio è tradizionale, se il primo personaggio a entrare in scena è un'astronave immensa e deserta, una cattedrale volante trovata in orbita nella fascia asteroidale, ben presto la storia prende una piega sinistra, ricca di morbose e agghiaccianti sfumature. Cadaveri che si ridestano, vittime che si gettano affascinate in braccio alla morte, orride sostituzioni di persona, efferati delitti, e una caccia sempre più affannosa alla creatura (ma è soltanto una?) che uccide e distrugge senza pietà per tutta l'Inghilterra. La soluzione sarà insieme spaziale e vampiristica, combinerà felicemente le emozioni classiche della fantascienza con i sudori glaciali della fantasy.


Urania n° 755 (13/8/1978) non proprio di vampiri si tratta ma di pipistrelli velenosi
che il protagonista avrà la "fortuna" di incontrare ne
"Al servizio del TB II" (All my sins remembered) di Joe Haldeman
La trama:
Drogati al bismuto con corpo di gorilla che accumulano in soggiorno i loro defunti e sono d'animo gentile ma con un solo dito o un solo pensiero possono spedirvi al Creatore; una società da notte dei tempi su un pianeta dove giganteschi pipistrelli velenosi dominano incontrastati nei cieli mentre in giungle dai putridi miasmi strisciano serpenti grossi come un convoglio ferroviario; un sarcastico scarafaggio alto come un uomo che bestemmia come un marinaio ma studia il Talmud e si pretende o forse è davvero immortale: di queste cose e altre cose come queste deve occuparsi Otto McGavin con le risorse tecnologiche e gli speciali poteri che gli sono conferiti dalla sua qualità di Primo Agente al servizio del TB II.

Da non perdere per gli amanti del genere Urania n°1283 (12/5/1996)
che propone il romanzo:
Le ali nere del tempo (A question of time) di Fred Saberhagen
La trama è questa:
1935: nei pressi del Gran Canyon Jake Rezner incontra una ragazza dai capelli rossi e dal colorito pallidissimo, Camilla, che lo scorta in una gola dove si è rifugiato l'eccentrico scultore Edgar Tyrrell. Ma Camilla è davvero la sua modella come sostiene, o è qualcosa di molto più pericoloso ed elusivo? 1991: Cathy Brainard, una ragazza come tante, scompare nel Canyon e sua zia ingaggia un detective privato, Joe Keogh, per ritrovarla. Keogh è assistito da un misterioso aiutante, il signor Strangeways, che ben presto intuisce la spiacevole verità... Ma Keogh e Strangeways non possono rivelare le loro scoperte alla polizia. Infatti, chi crederebbe a una storia di falle temporali e misteriosi riti del passato? Ma Strangeways sa, come Edgar Tyrrell, che quella dei nosferatu non è affatto una leggenda. E che la scomparsa di Cathy Brainard è solo l'inizio di un'avventura allucinante, destinata a concludersi in un'epoca spaventosa.


Un discorso a parte merita il romanzo presentato
da Urania n°1292 (15/9/1996)
Io sono leggenda (I am legend) di Richard MATHESON
che oltre a essere comparso nella collana "Classici Urania" 
proprio con il titolo "Vampiri" è un vero capolavoro e presenta una
situazione completamente insolita per cui per la stessa logica
seguita in questi casi sarebbe stato più giusto intitolarlo "Uomo", 
giudicate voi:
Perché Robert Neville non esce mai di notte? Perché dopo il tramonto comincia la caccia all'uomo. Bisogna nascondersi, stare lontani dalle loro tane. Che cosa è successo sulla Terra? Un morbo, una epidemia generale ha trasformato l'umanità in qualcosa di mostruoso. Tutti, tranne lui. Ma una di queste notti lo troveranno e allora sarà finita. Cosa può fare un uomo solo contro legioni di belve assetate di sangue? Vampiri, questo sono i suoi simili. E lui, Neville, è l'anomalia, la leggenda in un mondo impazzito. <Da questo romanzo è sato tratto il film: "Occhi bianchi sul pianeta Terra" con Charlton Heston>.


Un romanzo dal quale è stato anche tratto un film
viene pubblicato come supplemento a Urania n°1347 (25/10/1998)
- Urania Speciale n°2 -:
Vampiri (Vampire$) di John STEAKLEY
La trama:
A prima vita, uccidere vampiri nell'America dei nostri giorni potrebbe sembrare una professione non troppo redditizia. Ma se si possiede un'organizzazione come quella di Jack Crow, la Vampiri SpA, se si ha il tacito appoggio del Vaticano e, soprattutto, se le città americane pullulano di vampiri, si possono ricavare parecchi soldi.
Ma anche molti problemi. Perché si può entrare in contatto con la vittima sel vampiro, e scoprire che è la più dolce, la più adorabile delle creature di questo mondo…



L'ultima apparizione del "signore delle tenebre" è stata su
Urania n°1376 (5/12/1999) con un'antologia
di moderni Vampiri con dei tratti tragicomici
veramente memorabili:
Vamps (Vamps) di Norman SPINRAD
contenente i seguenti racconti:
Tossico vampiri (Vampire Junkies), Quello che ti mangia (What Eats You) e Il vampiro che non ingrassava (The Fat Vampire).
La trama:
Tra le specie protette del prossimo millennio ci sarà anche quella dei succhiatori di sangue? E' quello che NON si augurano i personaggi di Norman Spinrad, vampiri grassi e magri, famosi o raccogliticci, che sbarcano nell'America di oggi - anzi, di domani - con le intenzioni più sinistre e politicamente scorrette. Ma la società di massa rischia di essere micidiale anche per Vlad in persona, e queste avventure ai confini della realtà lo confermano con classe. Completa il volume un celebre testo spinradiano di storia alternativa: 
"Il continente perduto".
Tossico vampiri (Vampire Junkies)
Quello che ti mangia (What Eats You)
Il vampiro che non ingrassava (The Fat Vampire).
In ultimo vi vogliamo segnalare un dossier tutto dedicato ai Vampiri,
a cura di Vittorio Curtoni e Marzio Tosello, 
apparso in appendice a Urania n°1207 (13/6/1993)
in occasione dell'uscita del film "Dracula" di Francis Ford COPPOLA.

 
<<Precedente
Successivo>>

 
Vai all'indice
delle curiosità